Apparizione di Sri Rama 2 Aprile 2020

Tratto dalla biografia di Srila Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja

L’IDENTITA’ DI UN SERVITORE

I Gaudīya vaişņava rispettano tutte le incarnazioni del Signore Supremo Kṛṣṇa, incluso Rāma, Nrsimha, Vāmana e Varaha, e per questo onorano i giorni della loro apparizione. Dopo aver aderito alla missione del suo divino maestro, l’amore di Srila Gurudeva per Rama e il Rāmāyanņa non diminuì mai. I puri devoti e gli eterni associati di Krsņa provano amore spontaneo per tutte le incarnazioni di Kṛṣṇa. Ogni primavera Śrīla Gurudeva organizzava una festa alla Keśavajī Gaudīya Matha per celebrare l’apparizione del giorno del Signore Rama. Inoltre andava in un’assemblea chiamata Rama Pracāriņī Sabhā a Chowk Bazaar, Mathurā, dove i dotti pandita parlavano dei passatempi e delle glorie di Sri Rama al cospetto di grandi folle. Continua la lettura di Apparizione di Sri Rama 2 Aprile 2020

Anche questo passerà

TRA GLI ALTI E BASSI DELLA VITA RIPETI QUESTO MANTRA :

” ANCHE QUESTO PASSERÀ “

“Un grande re chiese ad un mistico sufi di dargli qualcosa per iscritto –

un sutra …

una piccola massima che lo avrebbe aiutato in ogni situazione possibile … buona … cattiva …

che lo avrebbe aiutato nel successo …

nel fallimento … nella vita …

nella morte. Continua la lettura di Anche questo passerà

L’arresa

“Non ero una persona istruita. Qualunque cosa io abbia, l’ho ricevuta dalla speciale misericordia del guru e dei Vaishnava. Ho dato tutto il mio cuore e tutto ciò che possedevo ai piedi di loto del mio Gurudeva. Quando mi sono unito alla matha [la missione di il tempio del guru], dissi al mio Gurudeva: ‘Ti sto dando il mio cuore. Ti sto dando l’amore e l’affetto che ho avuto per mia moglie, i miei figli, mio padre e tutto il resto. Prendo da loro quell’amore e lo consegno ai tuoi piedi di loto arrendendomi completamente.’ Lui accettò e cominciò a piangere. Disse: ‘Fino ad ora, nessun altro mi ha mai detto questo’. Gli vennero le lacrime agli occhi e io ricevetti la sua misericordia senza causa. Ora le persone di tutto il mondo mi stanno ascoltando – solo a causa di quella misericordia. Se ti arrendi al tua Gurudeva, avrai tutto il necessario per la perfezione della vita e per rendere perfetti gli altri.” Continua la lettura di L’arresa

Umiltà

Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura afferma che l’assenza del desiderio di piacere è il primo fondamento dell’umiltà. Questo significa comprendere che siamo fatti per servire e non per sfruttare. Quando abbiamo una coscienza materiale pensiamo che il mondo sia fatto per il nostro piacere e crediamo di agire indipendentemente dal controllore supremo. In questo stato di coscienza le nostre attività e la nostra vita occupano il posto centrale nel nostro cuore mentre Krishna viene relegato dietro le quinte, ma quando sviluppiamo l’umiltà consentiamo con piacere a Krishna, nella forma del santo nome, di occupare il posto centrale del nostro cuore. Krishna è attratto da un cuore umile e non da un cuore pieno d’orgoglio. Sospendere i pensieri delle nostre vicende quotidiane mentre cantiamo è una difficoltà, ma è necessario farlo. Continua la lettura di Umiltà

Calendario della Brahma Kumaris World Spiritual University di aprile

Mercoledì 1° aprile

ore 13.00 – 14.00

Meditation meeting in English: QUALITY OF THOUGHTS

“The quality of your thoughts will affect your spiritual practice, so keep checking them. Thoughts can be your own best friends or worst enemy. It’s up to you” Dadi Janki Continua la lettura di Calendario della Brahma Kumaris World Spiritual University di aprile

Non guardare indietro

Srila Bhaktivedanta Narayana Goswami Maharaja

“In associazione [con persone sante] possiamo conoscere così tante cose profonde, e se hai costantemente un’associazione con Vaishnava di alta classe [persone sante], così tante cose nuove sapremo, e sarai molto forte. Cerca di assorbire tutte queste cose nel tuo cuore, come gioielli molto costosi, e ti aiuterà così tanto. Non ci sono altri mezzi con cui puoi essere felice in questo mondo, solo questo – cantare il nome [di Dio ] e ascoltando Hari katha [argomenti su Dio]. Continua la lettura di Non guardare indietro

Il tronco caduto

C’è una bella leggenda degli indiani Cherokee a riguardo del “rito di passaggio” che dice questo.!

Il padre porta il figlio nella foresta, gli mette una benda sugli occhi e lo lascia lì da solo.

Il giovane deve rimanere seduto su un tronco tutta la notte senza togliere la benda finché i raggi del sole non lo avvertono che è mattino. Continua la lettura di Il tronco caduto

Insalata di farro

Ingredienti
Per 4-6 persone: 500 gr di farro decorticato – 16 pomodorini ciliegia – olio extravergine d’oliva – origano – sale

Preparazione

La metafora della foresta in fiamme

Tridandisvami Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Gosvami Maharaja

La metafora della foresta in fiamme di Bhandiravana
Australia, Febbraio 1997

Krishna giunse a Bandhirvan dove scorre la Yamuna e si sedette sotto un albero banyano chiamato Bandhiravat. Tutti i pastorelli posero Krishna al centro, creando uno, due, tre cerchi, tanti cerchi. Quelli che erano lontani da Krishna, quelli che stavano dietro Krsna, quelli che erano ai lati, qua e là, tutti vedevano che: “Krishna era seduto di fronte, giocava, offriva qualcosa e prendeva qualcosa.’’ Tutti i pastorelli seduti pensavano in quel modo. Continua la lettura di La metafora della foresta in fiamme

Crostini con patè misti

Ingredienti
Per 8 persone
1 filone di pane
1 vasetto di peperoni rossi sott’olio
1 vasetto di carciofini sott’olio
100 g di olive nere piccanti
50 g di noci sgusciate

Preparazione

Associazione Culturale, Comune di Bologna, Protocollo Generale, PG 197478/2019 del 02/05/2019

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: