Una vita piena di felicità e significativa sotto ogni aspetto

Śrī Śrī Guru Gaurangau Jayatah!

Śrī Keśavajī Gauḍīya Maṭha

Mathurā (U.P.)

2 febbraio 1986

Cara destinataria del mio affetto,

Le mie affettuose benedizioni per te. Sono stato sopraffatto dalla lettura della tua commovente lettera, piena di calore, e i miei occhi si sono riempiti di lacrime. L’intensità del tuo sentito dolore mi ha sciolto il cuore.

Figlia, il tuo più caro Śrī Bhagavān è sempre molto vicino, è sempre con te. I tuoi veri amici e cari non sono mai lontani da te, né potranno mai esserlo. Mai. Non essere inquieta. Ricorda sempre Śrī Yugala-kiśora-kiśorīji, che non dimenticano mai i propri cari. Nel momento in cui plasmano quella persona per fare in modo che si qualifichi per ricevere priti (amore divino) e rimuovere tutte le sue anartha, si tengono nascosti in qualche modo, facendo bruciare il devoto nel fuoco della separazione.

Fu solo con l’obiettivo di manifestare questo alto principio di amore trascendentale (prīti) che Krishna lasciò Vraja e gli abitanti di Vraja – le mucche, i vitellini, i pastorelli e le damigelle di Vraja – e andò a Mathurā e Dvārakā. Il suo cuore, tuttavia, era sempre a Vraja; non è mai andato via. Perfino Sri Uddhava, un associato molto intimo di Krishna, riuscì a comprendere solo in parte gli stati d’animo più confidenziali di questo amore trascendentale.

Per quanto mi riguarda, come posso mai dimenticarti o essere lontano da te? Ti penso sempre. Possa la mia guru-varga, così come Sri Lalitā, Sri Viśākhā, Sri Rupa Mañjari e altri, concederti la loro misericordia senza causa. Per loro misericordia, potrai immergerti negli argomenti e tematiche più segrete dello Śrīmad-Bhāgavatam – il gopī-prema e specificamente il rādhā-dāsyam – che sono estremamente rari da raggiungere anche per premī-bhakta come Śrī Nārada.

Non sentirti triste. La tua forza di volontà deve essere forte come un fulmine. Possa la tua vita non esserti di peso, ma piena di felicità e significativa sotto ogni aspetto. Anche i deva desiderano questa forma di vita umana. Dopo averla raggiunta, il nostro obiettivo deve essere quello di renderla piena di significato e di successo. Spero che questo ti consoli in qualche modo. Se lo sarà, sarà per me un grande piacere.

Sono molto felice di sapere che la Akhila Bhāratīya Khaṇḍelwāla Mahā Sabhā (All India Khaṇḍelwāla Society) ha deciso di premiarti con una lastra di rame incisa e uno scialle in onore della tua tesi [sullo Śrīmad-Bhāgavatam]. In secondo luogo, è motivo di grande felicità che tu sia stata selezionata come segretaria della Khaṇḍelwāla Mahilā Jāgriti (The Khaṇḍelwāla Society per la consapevolezza delle donne). Se sei in grado di piantare il seme della pura bhagavad-bhakti, kṛṣṇa-prema – nei cuori delle donne, allora puoi offrirgli il loro vero eterno e supremo bene. Dovresti cercare di fare questo servizio. Sarà positivo se provi ad aiutare le donne a superare le superstizioni sociali e l’oppressione, ed essere ornate delle virtù delle donne nell’antica cultura dell’India – compassione, filantropia, verità, affetto materno e così via – per diventare come Sītā, Sāvitrī e Draupadī.

Al giorno d’oggi, influenzati dalla cultura occidentale, alcuni uomini e donne litigano tra loro con uno stato d’animo di vendetta, come aspri rivali. Cercare di unire uomini e donne in uno stato d’animo di rispetto reciproco e far apparire i dolci sentimenti devozionali della bhakti nel loro cuore, è il  più grande servizio.

Ho scritto già tanto. Per la grazia di Bhagavān, noi residenti della maṭha stiamo tutti bene. Il festival del cinquecentenario dell’apparizione di Sri Caitanya Mahāprabhu sarà celebrato a Mathurā con grandi eventi. Ti invierò l’invito quando verrà stampato.

Il tuo eterno benevolente

Vaiṣṇava dāsānudāsa

Śrī Bhaktivedānta Nārāyaṇa

Rispondi