Umiltà

Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura afferma che l’assenza del desiderio di piacere è il primo fondamento dell’umiltà. Questo significa comprendere che siamo fatti per servire e non per sfruttare. Quando abbiamo una coscienza materiale pensiamo che il mondo sia fatto per il nostro piacere e crediamo di agire indipendentemente dal controllore supremo. In questo stato di coscienza le nostre attività e la nostra vita occupano il posto centrale nel nostro cuore mentre Krishna viene relegato dietro le quinte, ma quando sviluppiamo l’umiltà consentiamo con piacere a Krishna, nella forma del santo nome, di occupare il posto centrale del nostro cuore. Krishna è attratto da un cuore umile e non da un cuore pieno d’orgoglio. Sospendere i pensieri delle nostre vicende quotidiane mentre cantiamo è una difficoltà, ma è necessario farlo. Quanto più riusciamo a semplificare la nostra vita facendo di Krishna il centro delle nostre attività, tanto più facile è mettere da parte i nostri progetti e le nostre preoccupazioni mentre cantiamo. Krishna Si rivelerà sempre di più e noi vedremo che Egli è Colui che ci mantiene e ci protegge.

Rispondi