Mantra

Ognuno può trovare il proprio mantra:
essi sono come una chiave che apre la serratura del cuore
Mauro Scardovelli

Mantra, affermazioni, invocazioni e preghiere sono strumenti molto utili nel cammino di crescita personale. Ripetuti più e più volte al giorno, in uno stato di quiete e di ascolto interiore, scendono in profondità nell’inconscio e sono in grado di trasformare i nostri automatismi e le nostre reattività.

Più sotto riportiamo una serie di esempi ai quali ispirarsi per creare i mantra più adatti alle proprie esigenze personali del momento.

I mantra non vanno copiati e recitati meccanicamente. Vanno scritti e riscritti fino a raggiungere la formulazione esatta e precisa che ha più impatto sulle nostre emozioni positive, come la gioia, l’allegria, l’entusiasmo condiviso.I migliori mantra sono come Sutra: brevi, sintetici, collegati gli uni agli altri.
Un buon modo per verificare l’impatto di un mantra è quello di recitarlo ad alta voce di fronte a un gruppo di nobili amici.
I mantra funzionano come dichiarazioni del nostro io-governo interiore rivolte al popolo delle parti interne. Dichiarazioni che, utilizzando le parole dell’Anima, producono con il tempo una radicale trasformazione del nostro pensiero-linguaggio interiore. I mantra sono una chiave che apre la serratura del nostro cuore. Il loro utilizzo sapiente è forse la via più semplice, alla portata di tutti, per assecondare il progetto dell’Anima e vivere felici.

Ecco un elenco di mantra diviso per gruppi tematici:

Superare passività e impotenza

I problemi che incontro sono conseguenza di pratiche egoiche. Io posso risolverli adottando pratiche animiche.
Non esiste l’impotenza, esistono pratiche che conducono all’impotenza.
Uno dei modi più comuni di generare la propria impotenza è credere di avere un potere che non si ha.
Non esiste l’impotenza o la depressione. Esistono pratiche che conducono all’impotenza e alla depressione.
Non esistono attacchi di panico. Esistono pratiche che conducono agli attacchi di panico.
Non esiste la sfiducia. Esistono pratiche che creano la sfiducia.
Non esiste il bisogno di controllo. Esistono pratiche che creano il bisogno di controllo.
Io posso sempre trovare pratiche corrette per sciogliere i miei problemi.
Gli esseri umani dispongono potenzialmente di un’infinita capacità di inventare e creare cose nuove.
Se imparo a credere che le affermazioni precedenti sono vere, devo solo imparare ad allenare la mia naturale creatività.
Se non ci riesco da solo, posso chiedere aiuto a una persona competente.

Apertura del cuore

Che io possa essere profondamente risonante, empatico e compassionevole con tutti gli esseri.
Che io possa essere profondamente risonante, empatico e compassionevole con tutte le mie parti interne piccole e bisognose.
Che io possa essere profondamente risonante, empatico e compassionevole con tutte le parti piccole e bisognose degli altri.
Che io possa mantenere il cuore aperto in tutte le situazioni, liberandomi dall’odio, dal risentimento e dalla paura.
Che io possa lasciar andare ogni forma di orgoglio.
Che io possa imparare ad accogliere, riconoscere, ascoltare ogni forma di sofferenza.

Comunità

Consapevole delle mie debolezze, che io possa compiere una scelta radicale: essere parte attiva di una comunità animica, formata di nobili amici, rinunciando alla frequentazione di persone o ambienti, materialisti e nichilisti, indifferenti o ostili al cammino spirituale (riconoscendo quanto è prezioso l’insegnamento di Paramahansa Yogananda: «L’ambiente è più forte di voi»).
Che io possa contribuire al bene della comunità.
Che io possa essere sempre di aiuto ai più piccoli e ai più deboli.

Discernimento

Che io impari a discernere sempre meglio l’Ego dall’Anima.
Che io impari a discernere sempre meglio il giusto dall’ingiusto.
Che io prenda decisa posizione dalla parte del bene.

….continua su (clicca qui)

Rispondi