Indossa le 5 maschere

Dietro ogni comportamento o dietro uno schema mentale fisso si nasconde una profonda ferita che ci è stata inferta quando eravamo bambini. Con questa tecnica impareremo a contattare la nostra percezione del mondo e della realtà che ci circonda allo scopo di prenderne consapevolezza per iniziare un cambiamento interiore.

A occhi chiusi, immagina di trovarti in un’ampia stanza luminosa. All’interno c’è un tavolo e sul tavolo c’è uno specchio grande e 5 maschere. Ogni maschera ha un’etichetta:

1. La maschera del fuggitivo: chi fugge via dalle situazioni per paura di essere rifiutato

2. La maschera del dipendente: chi si attacca morbosamente a persone e situazioni per paura di esser abbandonato

3. La maschera del masochista: chi è stato così umiliato da pensare di meritare il ruolo di vittima.

4. La maschera del controllo: chi è stato tradito e ora pensa di evitare il tradimento controllando tutto e tutti.

5. La maschera del rigido: chi ha subito un’ingiustizia e ora è rigido sulle sue posizioni alla ricerca della perfezione.

Ora prova a visualizzarti nello specchio mentre indossi ognuna di queste maschere, una alla volta. Prova a “sentire” ogni maschera e percepisci bene il motivo per cui la indossi. Senti attentamente e senza alcun giudizio l’emozione che si associa a ognuna di esse, guarda il mondo da quel punto di vista e quando hai percepito profondamente i tuoi sentimenti con quella data maschera, sfilala via e indossane un’altra.

Quando sei giunto alla fine, dopo aver tolto l’ultima maschera guardati da fuori, guarda te e le tue maschere: da quale emozioni dolorosa, da quale ferita rifuggi maggiormente?

Prova ad ascoltarti: cosa si prova a non dover più indossare una maschera? Ascoltati.

Alla fine di questa esperienza riapri gli occhi e scrivi in un quaderno le sensazioni provate.

fonte

Rispondi