Covido ergo sum

Non c’è quasi altro nei media. Non c’è altro a cui pensare. Così dopo anni mi decido di acquistare un rispettabile quotidiano e vi trovo almeno 30 articoli sul covid. Leggo con completo sconcerto i titoli e parte di alcuni articoli:

“Siamo in guerra la battaglia è dura, e il nemico implacabile, ma non dobbiamo arrenderci, la guerra non è finita, dobbiamo andare fino in fondo fino alla vittoria.”

Ma siamo veramente in  guerra? Il linguaggio è certamente lo stesso, ed è il linguaggio di un periodo storico nel quale le bombe distruggevano intere città e i morti erano milioni.

“Vi chiederete, qual è la nostra politica? Vi dirò: è fare la guerra, per mare, per terra e nell’aria, con tutte le nostre forze e con tutta la forza che Dio può darci; per fare la guerra contro una mostruosa tirannia, mai superata nelle tenebre e nel deplorevole schedario del crimine umano. Questa è la nostra politica. Vi chiederete, qual è il nostro obiettivo? Posso rispondere con una parola: vittoria. Vittoria a tutti i costi – Vittoria nonostante tutto il terrore – Vittoria, per quanto lunga e dura possa essere la strada, perché senza vittoria non c’è sopravvivenza.”

(discorso di Winston Churchill alla Camera dei Comuni, primavera 1941)

Esiste una sola malattia. Il covid si insinua dappertutto, nelle scuole, nei negozi, nelle fabbriche, negli uffici, nelle case e anche fuori all’aria aperta, perfino nei parchi, nei boschi sulle montagne e sulle rive dei fiumi; non c’è scampo, e le persone mascherate sono ovunque e si proteggono da questo nemico subdolo e letale.

E’ il protagonista dei TG, dove i morti, gli ospedali e le ambulanze dominano le scene. Ci sono speranze, ma a dire il vero c’è una sola speranza ed è il vaccino. Ci sono poi quelle che chiamano fake news ma questi che seguono sono dati storici molto documentati:

La peste nera:

La peste nera fu un disastro che colpì l’Europa durante il tardo medioevo e si stima che abbia ucciso dal 30% al 60% della popolazione europea.

L’influenza spagnola:

La pandemia influenzale del 1918 è stata una pandemia insolitamente mortale. Ha infettato 500 milioni di persone in tutto il mondo, ovvero circa il 27% dell’allora popolazione mondiale. Si stima che il bilancio delle vittime sia stato di 50 milioni e forse fino a 100 milioni (circa dal 3 al 6 per cento della popolazione della Terra all’epoca), rendendola una delle epidemie più mortali della storia umana

Non siamo assolutamente a queste cifre. In tutto il mondo i morti sono stati due milioni e quello che stiamo vivendo è sopratutto un pandemonio delle comunicazioni dove è difficile distinguere il vero dal falso. La tensione è sempre tenuta alta, si parla di mascherine, di distanza sociale e sopratutto di vaccini, ma pochissimo della soluzione più logica, che è quella di rafforzare il sistema immunitario e di fare una vita più sana.

Infatti rafforzare il sistema immunitario può prevenire e minimizzare non solo l’impatto del covid ma di ogni altra malattia. Se il nostro sistema immunitario è forte non ci ammaleremo. Ecco perché la maggior parte delle persone che l’hanno avuto si è ripresa o non sapeva nemmeno di averlo; perché le loro difese lo hanno contrastato efficacemente  Ma chi ha un sistema difensivo debole è più facilmente attaccabile da ogni tipo di malattia.

Rafforzare il sistema immunitario (e vivere in modo più sano)

Evitare stati di paura, nervosismo, attitudini negative, mass media tossici e ridurre tutto quello che può provocare i processi infiammatori nel corpo.

Evitare carne, pesce, uova, alcool, fumo, droghe.

Ridurre /evitare: zuccheri, cibi raffinati e industriali, cibi fritti e pesanti da digerire, antibiotici.

Aumentare: ottimismo, preghiera, passeggiate, buona respirazione (ed esercizi respiratori) esercizi fisici (yoga, ecc) bagni di sole, buona compagnia, consumo di acqua e tisane,  cibi salutari: verdure di stagione, frutta (specialmente agrumi), zenzero, cannella, legumi leggeri da digerire, oli essenziali e tinture di erbe (come l’echinacea) semi di chia, ghi, mandorle, miele…

Proposta anticovid (Ayurvedico)

1 cucchiaino di miele

½ cucchiaino di zenzero in polvere

½ cucchiaino di curcuma in polvere

¼ di cucchiaino di cannella in polvere

Un pizzico di chiodi di garofano in polvere

15 foglie di basilico tritate finemente

Assumere da una a tre volte al dì

The post Covido ergo sum appeared first on VaisnavaLife.com.

https://ift.tt/3pfnYb2

Rispondi