Boom di vegetariani e vegani e i macellai vanno a picco

PORDENONE – Le tavole e i prodotti tipici della ricorrenza pasquale non hanno portato alcun beneficio alle casse di alimentaristi e macellai naoniani, che anzi, lamentano cali degli introiti da “capogiro”. Ad avere la peggio è stata di sicuro la carne, sia quella bovina che quella agnello e capretto, con contrazioni sino al 40%, anche a causa delle nuove tendenze alimentari, che stanno facendo lievitare in provincia i vegetariani e i vegani, andando ad aggiungersi alla già nutrita popolazione di fan del bio. Difficoltà economiche, nuove tendenze alimentari, il 3% dei giovani è vegano e il 40% è vegetariano, oltre al declino delle tradizioni, stanno facendo dunque sparire la carne dalle tavole…

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.