Una stazione fantasma

la nostra cara vecchia stazione, oggi quasi fantasma, passa un treno o tre al giorno, ormai quasi dimenticata, per quelli che come me anni sessanta usavano il treno per andare nel nord Italia, chi partiva per la Germania oppure per altre nazioni, tutti emigranti che per necessita di lavoro e mantenere la famiglia in Sicilia, l’uomo partiva solo e lasciava moglie e figli e chi lasciava i genitori per cercare fortuna fuori dalla Sicilia, mandare i soldi hai propri familiari rimasti al paese Siciliano.

Quanti treni hanno visto questi binari, era un continuo andare venire di treni, giorno e notte non c’era sosta per questa cara stazione, i pianti dei familiari quando accompagnavano il marito o il figlio dopo una decina di giorni di ferie trascorsi al paese, purtroppo i giorni volavano in fretta e la domenica pomeriggio alle ore 14.00 la partenza del binario tre, il Treno Agrigento Milano era sempre affollata, valigie che occupavano metà banchina, viaggiatori che si passavano le valigie dal finestrino dei scomparti, solitamente vi era sempre qualcuno gentile che dava una mano a far passare queste valige dal finestrino, i corridoi affollatissimi e la notte ci si coricava nel corridoio come bestiame, sentivi gente che si lamentava del lavoro, gente che chiedeva se conosceva un parente a Milano, si parlava dei familiari che si lasciavano al paese, si faceva amicizia e con la scusa di offrire una sigaretta a qualche ragazza si diventava amici, chi era fortunato la rivedeva ancora dopo il viaggio arrivati a destinazione.

Si ascoltava le storie di ogni singolo passeggero, storie che sembravano avventure, storie di amicizie, storie di lavoro, tante storie tanti ricordi.

Oggi tutto questo non esiste più, oggi si parte in aereo e la grandi distanze diventano passeggiate e si è sempre vicino anche a migliaia di chilometri.

Ormai il treno Agrigento Milano non esiste più e stato soppresso verso gli’anni 2007, poi sono stati soppressi tanti altri treni, ormai molte stazioni che una volta erano sempre affollate sono soltanto stazioni fantasma, ogni tanto vado a farci un giro, i ricordi ti riaffiorano alla mente e inizi a viaggiare nei ricordi belli o tristi che si collegano in questa stazione di Enna, vi era un piccolo ristorante bar, dai vetri rotti si riesce ancora a vedere i vecchi tavoli e e il bancone, il ristorantino e stato chiuso nel inizio anni ottanta, vedere un pezzo di storia della tua gioventù commuove sempre…. siamo nel 2019 e il tempo alla stazione di Enna si è fermato nei anni ottanta, chiudendo il ristorantino e come se si è uccisa la stazione e nel 2007 si e dato il colpo di grazia, oggi girano soltanto fantasmi, chiudi gli’occhi e inizi a sentire il suono del treno in arrivo, senti il parlare di viaggiatori. ti sembra di ascoltare ancora le vecchie storie di emigranti che partivano per quel lungo viaggio in cerca di fortuna e mai più tornati al loro paese di Sicilia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.