CappottoMio: la soluzione di efficienza energetica che si ripaga con l’Ecobonus 110%

CappottoMio ecobonus 100% - ENI people for planet

Tra le misure del decreto rilancio varate dal governo per supportare cittadini e imprese a seguito della pandemia da Covid-19, è inserito l’Ecobonus 110% con il duplice scopo di rilanciare il settore edilizio e agevolare la riqualificazione energetica degli edifici.
Si tratta di un contributo economico da parte dello Stato il cui ammontare può arrivare non solo a coprire le spese effettuate per interventi di efficientamento energetico ma addirittura a superarle. Lo stesso decreto rilancio prevede anche Sismabonus e detrazioni per l’installazione di pannelli fotovoltaici e colonnine di ricarica presso la propria abitazione.

Riepiloghiamo di seguito gli interventi ammessi e vi segnaliamo una soluzione vantaggiosa offerta da Eni gas e luce che consente di accedere rapidamente ai vantaggi di Ecobonus 110%.

Le misure del decreto rilancio: chi può accedere

L’Ecobonus 110% è l’ideale per chi desidera avere un’abitazione più sostenibile, a basso impatto energetico, e finalmente può superare l’ostacolo rappresentato dalle spese da sostenere. Consiste in una detrazione pari al 110% di quanto speso, quindi maggiore del 10% rispetto alle spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021.
L’obiettivo è quello di migliorare il patrimonio edilizio esistente dal punto di vista dell’efficienza energetica e, allo stesso tempo, dare respiro al nostro tessuto economico, in particolare coinvolgendo le imprese che operano nel campo dell’edilizia, che si occuperanno in prima persona degli interventi da realizzare.
Possono richiedere la detrazione (variabile a seconda degli interventi specifici da realizzare): condomini, persone fisiche, istituti autonomi per le case popolari, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, enti del terzo settore, associazioni e società sportive dilettantistiche.

Ecobonus 110% e Sismabonus: le detrazioni caso per caso

Ecobonus 110% – Per quanto riguarda l’efficientamento energetico degli edifici possono beneficiare della detrazione fiscale al 110% gli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie. Il tetto di spesa previsto è di 50 mila euro per edifici unifamiliari, 40 mila euro per unità immobiliare o unità facente parte di condomini da 2 ad 8 unità, 30 mila euro per unità immobiliare nel caso di condomini con oltre 8 unità immobiliari.
L’Ecobonus 110% si applica anche agli interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione dei condomini con una spesa massima prevista che varia fino a 20 mila euro per unità immobiliare di condomini da 2 ad 8 unità e 15 mila euro per unità immobiliare nei condomini con oltre 8 unità, inclusi anche gli altri interventi di efficientamento energetico, dagli infissi alle caldaie a condensazione, se eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi precedenti.

Sismabonus – Dell’Ecobonus fa anche parte il Sismabonus, dedicato a chi effettua opere di adeguamento antisismico della propria abitazione entro il 31 dicembre 2021. La detrazione al 110% è prevista fino ad un ammontare complessivo pari a 96.000 euro per singola unità immobiliare per l’adozione di misure antisismiche su edifici ubicati nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

Fotovoltaico e colonnine elettriche – Questo tipo di interventi beneficia di una detrazione solo se: impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo vengono installati congiuntamente ad interventi di Ecobonus o di Sismabonus e fino a 48 mila euro di spesa; le infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici vengono realizzate congiuntamente ad uno degli interventi coperti da Ecobonus e fino a 3 mila euro di spesa.

Un vantaggio interessante: sconto in fattura o cessione del credito

Il vantaggio più interessante previsto dal decreto è la possibilità di scegliere tra sconto in fattura o cessione del credito di imposta in alternativa alla detrazione fiscale diluita in 5 anni delle spese sostenute.
Lo sconto viene anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e si calcola sul corrispettivo dovuto fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso.

Il credito d’imposta può essere ceduto all’impresa fornitrice degli interventi o ad altri soggetti privati, come le banche e altri intermediari finanziari.

Siamo nel momento storico più vantaggioso per effettuare migliorie desiderate da anni. Tra le più gettonate spiccano quelle per l’isolamento termico degli edifici, per questo le scegliamo per mostrarvi una delle soluzioni più interessanti disponibili sul mercato per approfittare delle misure in vigore.

Il cappotto termico, soluzione ideale per risparmiare energia e CO2

Sul territorio italiano sono presenti oltre 1,2 milioni di condomini. Oltre il 70% di essi ha più di 50 anni ed è stato quindi costruito prima del varo della prima legge sull’efficienza energetica.
Sono quindi moltissimi gli edifici che grazie all’Ecobonus 110% potrebbero cambiare volto.

Il cappotto termico – o isolamento a cappotto – consiste in una serie di strati isolanti applicati esternamente o internamente agli edifici in modo tale da garantire un isolamento, sia termico sia acustico, completo.

Se applicato esternamente all’edificio tra l’altro il cappotto termico provoca una disagio minimo ai residenti perché i lavori sono effettuati sulla superficie esterna e quindi si può continuare ad abitare l’edificio durante il loro svolgimento.

Applicato correttamente questo sistema permette di unire risparmio energetico e drastica riduzione delle emissioni di CO2, mantenendo alte temperature interne durante l’inverno e riducendo la penetrazione del calore dei raggi esterni in estate.

Il risparmio energetico secondo gli esperti si aggira attorno al 30-50% e questo comporta anche un significativo risparmio sugli importi in bolletta.

Cappotto Mio Articolo ENI People For Planet
CappottoMio ecobonus 100% - ENI people for planet
CappottoMio ecobonus 100% - ENI people for planet

La soluzione “CappottoMio” di Eni gas e luce.

Tra le offerte presenti sul mercato si segnala il servizio CappottoMio di Eni gas e luce cheè stato progettato ad hoc in conformità con la normativa in materia di Ecobonus e Sismabonus.
CappottoMio di Eni gas e luce, oltre all’isolamento termico per ridurre le dispersioni termiche, può comprendere anche l’adeguamento energetico delle centrali termiche condominiali, il consolidamento antisismico, l’installazione di impianti fotovoltaici con la possibilità quindi di usufruire a pieno regime dei vantaggi fiscali previsti.
Chi sceglie la soluzione CappottoMio ha come ulteriore vantaggio la possibilità di cessione del credito: può cedere le detrazioni fiscali ottenibili al partner operativo di Eni gas e luce.

Eni gas e luce | Cappotto Mio – Decreto Rilancio

CappottoMio: la procedura per realizzare gli interventi e ottenere l’Ecobonus

La procedura per installare CappottoMio ed approfittare dell’Ecobonus 110% o del Sismabonus è molto snella e semplice.
Il primo passo è contattare Eni gas e luce per organizzare un sopralluogo, valutare il caso specifico e verificare l’applicabilità dei vantaggi previsti dalla normativa.
Segue la preparazione dell’assemblea condominiale insieme ai condomini e a cui saranno presenti un esperto di Eni gas e luce e l’impresa esecutrice; in quest’occasione si redige la delibera conforme alla normativa. Il condominio sarà sempre supportato nella gestione delle pratiche burocratiche per ottenere la detrazione.
Dopo aver firmato il contratto con l’impresa esecutrice, partner di Eni gas e luce, scatta l’avvio effettivo dei lavori, con un incaricato Eni gas e luce che si occuperà di controllare che tutto si svolga in modo corretto e certificherà gli stati di avanzamento dei lavori.

Al termine dell’intervento verrà chiuso il cantiere e verrà fatta l’asseverazione finale, come previsto dalla legge.

Infine, un ulteriore vantaggio: il condominio sarà assicurato e garantito anche in caso di controlli con esito negativo da parte di Enea.

https://ift.tt/36xMP2W

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.