Lombardia arancione da domenica “Errore nei dati”

“Abbiamo sempre fornito informazioni corrette”, così il governatore della Lombardia che oggi torna a chiedere la zona arancione di fronte alla clamorosa ammissione di errore del ministero, che potrebbe a breve chiedere la revisione e firmare l’ordinanza che riporterebbe in arancione i lombardi già domenica.

Un errore alla base

Il ministero della Salute ha ammesso di aver sbagliato il calcolo dell’Rt nell’ultimo monitoraggio e sollecitato una nuova valutazione da parte della cabina di regia.

“La Lombardia deve essere collocata in zona arancione. Lo evidenziano i dati all’esame della Cabina di regia, ancora riunita. Abbiamo sempre fornito informazioni corrette. A Roma devono smetterla di calunniare la Lombardia per coprire le proprie mancanze”, ha scritto su Facebook il presidente della Regione, Attilio Fontana.

Il Ministero rimanda alla Regione

Il ministero della Salute replica riferendosi a una nota diffusa ieri dalla stessa Regione Lombardia nella quale era scritto: “I tecnici dell’Istituto Superiore di Sanità e della Direzione Generale del Welfare hanno in corso una interlocuzione e, nelle prossime ore, valuteranno una serie di dati aggiuntivi da parte della direzione Welfare lombarda per ampliare e rafforzare i dati standard già trasmessi nella settimana precedente, ai fini di una rivalutazione in vista della Cabina di regia di venerdì 22 gennaio”.

La Regione aveva presentato un ricorso al Tar per chiedere di uscire dalla fascia rossa e tornare in arancione.

Covid-19, tutta Europa a colori (e solo un angolo della Grecia è verde)

Covid-19, Lombardia: Moratti prova a farci rimpiangere Gallera

https://ift.tt/3o8AV55

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.